Cloruro di magnesio.

CLORURO DI MAGNESIO

cloruro-di-magnesio

UN RIMEDIO STRAORDINARIO CONTRO TANTI MALI: CLORURO di MAGNESIO

AUTORE: Padre Giuseppe BENO, Gesuita nel Collegio S. Caterina, Prof, fisica e biologia.

PREPARAZIONE: non viene presa né come medicina né come alimento e non ha alcuna controindicazione.

Sciogliere in una caraffa 100 gr di CLORURO di MAGNESIO in 3 Litri di acqua. Il cloruro di magnesio è molto idrosolubile. Dopo aver ben mescolato conservare in recipienti di vetro, non di plastica. Berne 1 dose, cioè la quantità di 1 tazzina di caffè (o 2 dita di 1 bicchiere comune) 3 volte al giorno per 1 settimana, 1 dose al mattino, 1 dose al pomeriggio e 1 alla sera. Poi 2 volte al giorno per 1 settimana, poi 1 volta al giorno. Dopo guariti è necessario prendere il CLORURO di MAGNESIO come prevenzione del male e ci si attiene alla dose a seconda dell’età e del tipo di cura. La soluzione si conserva a tempo indeterminato (diluita in acqua) e in qualsiasi luogo.

STORIA:

A 33 anni di età sentivo delle punte lancinanti alla regione lombare. Alla radiografia si scorgeva alla 3a vertebra una escrescenza cartilaginosa in forma di “becco di pappagallo”. Non vera possibilità di guarigione. Ma l’escrescenza non era innocua, perché cominciavo a sentire nel polpaccio un peso c una stanche/va strana, sempre maggiore, che tuttavia attribuivo al molto movimento che compio. Intorno ai 66 anni iI peso si trasformò in un dolore insopportabile. A 69 anni un male al piede mi produsse intorpidimento e formicolio alla gamba, però quando mi piegavo cessava: segno certo di un nervo che veniva schiacciato, pensai. In realtà l’escrescenza in tutti quegli anni si era incallita, calcificata e schiacciava il nervo che va al polpaccio. Nel piegare la schiena l’escrescenza si sollevava un po’, e ciò era un sollievo per il nervo. In altre persone può essere un altro nervo ad essere premuto e altro muscolo a addolorar. Causa questo dolore lavoravo seduto; ma la messa, celebrata in piedi, era per me un tormento. A 70 anni peggiorai e fu uno specialista che, al vedere la nuova lastra, mi disse che 24 vertebre avevano quell’escrescenza in un processo avanzato di calcificazione e che non si poteva fare niente. Nonostante 20 trattamenti, il dolore non cessava, nemmeno quando mi mettevo a giacere [,..] solo quando piegavo la schiena, con i ginocchi rialzati fino quasi a toccare il petto. Siccome nulla poteva fermare la malattia, già prevedevo il giorno in cui avrei cominciato a passare i giorni della mia vita solo a gemere. Poco tempo dopo, in un incontro di scienziati gesuiti a Porto Allegre, Padre Suarez mi disse che la cura era semplice con il CLORURO di MAGNESIO e mi mostrò un libretto di Padre Puig, gesuita spagnolo che lo ha scoperto e che lo aveva provato con sua madre resa rigida calcificata come me, che con questo sale diventò agile come una ragazza. E scherzando mi disse: “Con questo sale puoi morire solamente prendendo un colpo in testa o per un altro incidente”.

LA CURA:

Subito presi, per cautela, solo 1 dose: dopo 3 giorni iniziai con 1 dose al mattino e 1 alla sera, comunque continuai a dormire sempre rannicchiato fino al 20-esimo giorno quando mi svegliai disteso nel letto senza dolore. Però se camminavo sentivo ancora quel dolore. Al 30-esimo giorno mi alzai completamente sbalordito: “Forse sto sognando?” mi dissi. Niente più mi faceva male e feci persino un giretto in città, tuttavia sentii il peso di il anni di malattia. Solo dopo 2 mesi potei camminare a piacere. Dopo 10 mesi che prendevo ogni giorno 2 dosi, mi sentii decalcificato e col corpo flessibile. Il MAGNESIO porta via il calcio dai punti indebiti e lo fissa nelle ossa.

ALTRI EFFETTI IMMEDIATI:

Il MAGNESIO ha normalizzato le pulsazioni al polso, che erano al di sotto di 40, e già pensavo che il cuore stesse segnando il passo. Il sangue diventò decalcificato e fluido, e giunsi ad una pressione regolare. Il fegato fu purificato e scomparvero quelle punte di dolore, il cervello tornò alla lucidità e il sistema nervoso alla calma di una volta. La prostata, che fu operata nel primo periodo di cura, ora non mi disturba più molto. Mi sento ringiovanito: la stanchezza è sparita e così gli altri effetti della malattia, inoltre cammino ben eretto. Tutto questo mi a ridato la gioia di vivere. Per questo mi sento invitato a condividere quel piccolo aiuto che il Buon DIO mi ha dato. Centinaia di persone sono guarite dopo anni di sofferenza per dolori vertebrali, artrosi ecc., e fanno conoscere ad altri il rimedio.

BENEFICI:

Perché parlar tanto del MAGNESIO, quando sono 18 i sali minerali? Ma è come quando in una classe manca il professore e si crea una baraonda, però quando ritorna rimette tutto a posto: manda fuori gli intrusi, chiama coloro che erano usciti di posto ecc. Allo stesso modo si comporta il MAGNESIO. In mancanza scoppiano magagne in tutto il corpo e quando ritorna fa tornare l’equilibrio minerale dei sali, e così: serve per la tiroide, rianima le ghiandole e gli organi nelle loro funzioni, come i reni per l’eliminazione dell’acido urico, assimila il fosforo abituato a sfuggire, toglie il calcio dannoso dalle cartilagini che tornano morbidi e flessibili senza premere sui nervi e lo fissa definitivamente nelle ossa. Per questo il magnesio non attacca mai le ossa. Decalcifica le arterie e rende il sangue purificato e fluido per irrorare tutte le vene e i capillari, specialmente quelle del cervello che ritorna lucido e senza pericolo di trombosi, quelle del cuore eliminando il pericolo di infarto o di angina, quelle del fegato e dei polmoni;… calma il sistema nervoso, da vigore e toglie l’affaticamento. Nelle artrosi, poi, decalcifica e lubrifica fino alle più sottili membrane, togliendo dolori sia nelle articolazioni che nelle sclerosi calcificate, è efficace contro il male al nervo sciatico e i mali alla colonna vertebrale. Prolunga la giovinezza. Ecco pertanto alla portata, una cura sicura, indolore, semplice e non cara. Due o 3 dosi al giorno, dopo una operazione favoriscono una ripresa rapida e senza iniezioni. Il corpo necessita al giorno di 2 dosi di magnesio: tale quantità non si raggiunge con i cibi raffinati e depurati, meno ancora dopo i 70 anni, quando viene assimilato sempre in minor quantità. Per questo sono richieste dosi supplementari. Il magnesio è l’alimento indispensabile per vivere più a lungo e senza preoccupazioni.

LA CALCIFICAZIONE:

Produce vari malanni alla spina dorsale, al nervo sciatico, alla artrosi cervicale, e porta l’arteriosclerosi. La calcificazione è il mio caso. Sebbene risanato, continuo ancora per non ricadervi più.

L’ARTRITE:

Denota una serie di malattie, tutte prodotte dall’accumulo di acido urico che i reni non riescono ad eliminare sufficientemente pii mancanza di magnesio. Gonfiano le articolazioni e gli stessi reni possono infiammarsi. Per questo si incominci con 1 dose (= 1 tazzina) alla mattina per 10 giorni. Se non si sente nulla di anormale, prenderne 1 altra alla sera. Quando ci si sente curati, si continui, per 2 mesi con le 2 tazzine al giorno per purificarsi meglio a per non ricadere nella malattia. Il MAGNESIO scioglie le pietruzze nei reni e nella vescica.

ARTROSI:

l’acido urico si deposita nelle articolazioni del corpo e, in modo visibile nelle dita che si gonfiano. E questo perché i reni non funzionano bene per mancanza di MAGNESIO. Prendere 1 dose al mattino, se dopo 20 giorno non ci sono miglioramenti e non è guarita la deformazione prenderne prendere 1 dose al mattino e 1 alla sera. Dopo la guarigione proseguire con le dosi per la prevenzione.

ACCIACCHI DA VECCHIAIA:

L’invecchiare è causato da un insieme di malattie e di dolori che si diffondono in tutto il corpo per mancanza di MAGNESIO che il corpo assimila sempre meno dopo i 40 anni. Perciò: dai 40 ai 55 anni 1 dose al giorno, dai 55 ai 70 anni 1 dose al mattino e 1 alla sera( cura di mantenimento) . Il MAGNESIO è di tutti gli elementi il meno somministrato, non crea assuefazione ma al sospenderne l’uso se ne perde il beneficio. Rigidezza muscolare, crampi, tremoli, arteriosclerosi, dovuti per insufficiente attività celebrale: 1 dose al mattino, 1 al pomeriggio, e 1 alla sera.

PRE-CANCRO:

Il nostro corpo è formato da un’infinità di cellule, come i mattoni di una casa. Alcuni mattoni guasti non mettono in pericolo la casa. Allo stesso modo alcune cellule mal formate, per mancanza di una componente, colpa dei cibi sofisticati o per la presenza di particelle estranee o di sostanze tossiche (fumo ecc.), esistono in tutti, ma sono inattive. Queste cellule anarchiche non si armonizzano con quelle sane e se sono entro una certa quantità sono inoffensive, però tali cellule aumentano, si aggruppano e causano lesioni (pre-cancro), avanzando formano il tumore maligno che diffonde sostanze tossiche virus molto vitali senza che alcun vaccino le blocchi, ebbene il MAGNESIO le combatte, rinvigorendo quelle sane. Purtroppo tutto il lento processo del cancro all’inizio non causa alcun dolore di avviso che segnali il tumore, e in tal modo poter intervenire per mettere da parte i veleni che occupano le cellule sane. Tuttavia esistono leggeri indizi che vanno curati con 1 dose alla mattina e 1 alla sera. Il MAGNESIO è il miglior preventivo affinché il cancro non progredisca e diventi tumore. Oltre ad evitare alimenti cancerogeni è importante l’equilibrio minerale col prendere CLORURO di MAGNESIO: basta che il corpo sia mineralizzato per poter vivere liberi da quasi tutti i dolori. Nel prendere la dose necessaria per curare un solo male, ci si accorgerà che in tal modo altre malattie saranno curate.

CONCLUSIONE:

Non si potrà sfuggire completamente a tutte le malattie, a tutti i dolori e al naturale decadimento del corpo, ma tutte queste cose saranno molto più attenuate o addirittura eliminate. La maggior parte della gente, tuttavia, si lascerà prendere dalla pigrizia invece di godere la vita!

 

Legette anche: http://www.tuttasalute.net/24039/magnesio-per-curare-quasi-tutto-e-costa-pochissimo-perche-lo-usano-in-pochi.html

https://www.facebook.com/arriana54/

2 commenti su “Cloruro di magnesio.”

  1. Ciao, mi chiamo klaus, 40 anni. Sono un pesista. Circa tre anni fà, in seguito ad un infortunio in allenamento sviluppai una brutta ernia l5-s1. Il dolore in tre anni aumento’ a dismisura e la gamba destra era ormai paralizzata. Nessun farmaco mi dava più sollievo, i medici mi prescrivevano farmaci di ogni tipo ma non trovavo giovamento. La mia ernia era aumentata di volume per via della calciificazione. Passavo le notti su internet in cerca di consigli. A fine maggio 2015 la svolta . Leggo questo articolo poi scappo in farmacia a comprare il cloruro magnesio. Mi era tornata la speranza. Dopo 20 giorni dall’assunzione al risveglio potevo appoggiare il piede a terra. Oggi dopo sette mesi mi alleno con i pesi e corro 50 km a settimana. Ringrazio quelli che mi hanno aiutato con questo articolo. Un abbraccio…

    1. Grazie, lei mi ha reso la persona più felice del mondo! Questo è il mio scopo, aiutare il prossimo. Nella vita non si deve arrendere mai, c’è sempre una soluzione! Grazie a lei che ha creduto e provato.Complimenti e tante belle cose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *