Archivi categoria: Tisane

Olio e tintura di Iperico

Olio e tintura di Iperico

E chiamata «Arnica dei nervi» una tintura d’iperico che si può preparare da soli ed applicare con buoni risultati contro le malattie nervose, le nevriti, le nevrosi, la debolezza nervosa e l’insonnia. Con l’uso del olio e tintura d’iperico guariscono inoltre i disturbi di pronuncia, il sonno irrequieta, gli attacchi isterici, il sonnambulismo come anche l’enuresi notturna e le depressioni. L’esperienza mi ha insegnato che contro tutti questi disturbi non giova soltanto l’applicazione interna mediante tisana, ma anche quella esterna dei semicupi d’Iperico (vedi «Modalità di preparazione»). Se ne fanno sei per settimana, “seguiti” ogni volta da un pediluvio. Questa cura è consigliabile in tutti i disturbi dovuti a disfunzioni nervose.

Fanciulle in età di sviluppo dovrebbero bere due tazze di tisana d’Iperico al giorno; essa favorisce lo sviluppo degli organi femminili ed elimina le irregolarità del periodo mestruale.

Un semplice molto apprezzato è l’olio di San Giovanni.

Man dovrebbe mai mancare in casa. È facile prepararlo da soli. Mantiene il sua patere curativa per due anni a viene applicato con buoni risultati sia sulle ferita aperte, le lesioni recenti, i versamenti emorragici, i gonfiori ghiandolari e come cosmetico, sulla pelle ruvida del viso, sia come efficace balsamo contro i dolori alla schiena, la lombaggine, la sciatica ed i reumatismi. Onde aver a portata di mano il migliore rimedio casalingo par le scottature e le bruciature sa ne fanno macerare i fiori in olio di lino. Quest’olio trova impiego anche contro le scot­tature solari.

I neonati con dolori addominali si calmano presto non appena il loro pancino viene massaggiato con un po’ di olio di San Giovanni. Conosco una contadina che curava tutte le lesioni con l’olio di San Giovanni, anche quelle degli animali domestici. Una signora, racconta che suo marito aveva infilato la mano in una macchina; ferendoci gravemente, Gli impacchi di olio di San Giovanni lo liberarono presto da ogni dolore e le ferita guarirono senza problemi. Un altro agricoltore invece curò con l’oliò di San Giovanni una brutta ferita al piede del suo cavallo.

Un medico aveva riscontrato in una bambina di atto anni la tumefazione di una ghiandola linfatica addominale. Ogni volta che la bimba era esposta al fredda, accusava mal di pancia, infine addirittura ogni giorno e soprattutto di mattina. La mamma della piccola aveva letto nell’edizione precedente di questo libro che l’olio d’Iperico serviva contro i gonfiori ghiandolari. Tutte le volta che la bambina si lamentava, ella le massaggiava il pancino col suddetto olio e dopo poco tempo tutto era passato.

Fonte: “La salute dalla farmacia del signore” di Maria Treben.

 

Infuso di foglie d’olivo.

L’infuso di foglie d’olivo

Nome Scientifico e parte di pianta utilizzata: Olivo (Olea europea).

Le foglie d’olivo sono utilizzate da millenni sotto forma di infuso in tutta l’area del mediterraneo in virtù delle loro importanti proprietà salutistiche dimostrate da secoli di uso empirico e da approfonditi studi scientifici in tempi più recenti.

foglie olivo Continua la lettura di Infuso di foglie d’olivo.

LA CURA DEL TUMORE, SECONDO BREUSS.

 LA CURA  DEL TUMORE, SECONDO BREUSS 

La Cura Breuss:

Si prendono 3/5 di rape rosse (barbabietole); 1/5 di carote; 1/ di tubero di sedano, un poco di rafano e una patata grossa quanto un uovo.  Continua la lettura di LA CURA DEL TUMORE, SECONDO BREUSS.